News dal Parlamento – Decreto Crescita

Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

LIA ALBONICO

E’ stato convertito in legge (legge n. 58 del 2019) il decreto-legge n. 34 del 2019 (A.S. 1354) che reca misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi.

Alcuni dei provvedimenti contenuti nel DecretoPRottamazione ter – saldo e stralcio: per aderire a entrambe le forme di pace fiscale, tempo fino al 31 luglio 2019

PACE FISCALE

Rottamazione delle cartelle fiscali agli enti locali Comuni, Province e Regioni potranno scegliere la definizione agevolata delle liti per tutte le ingiunzioni fiscali notificate tra il 2000 ed il 2017.

Dichiarazione dei redditi: posticipato al 30 novembre il termine per le dichiarazioni telematiche imposte redditi e imposta regionale sulle attività produttive.

Fatturazione elettronica: sale a dodici giorni la possibilità di inviare la fattura elettronica al sistema d’interscambio.

Scontrino elettronico:

Invio telematico: previsto un periodo di sei mesi senza sanzioni.

ISA: proroga versamento tasse per i contribuenti entro il 30 settembre (dal precedente 30 giugno).

Affitti brevi: obbligo di codice unico, stretta sul versamento dell’imposta di soggiorno.

Dal 2020 detassazione delle locazioni non corrisposte senza attesa dello sfratto.

Abrogazione dal 2020 della Tasi su immobili edificati per essere venduti.

Lavoro e pensioni

Contratti di espansione; si possono applicare alle aziende con oltre mille dipendenti che investono nella trasformazione digitale.

Scivolo di 5 anni per pensionamenti in imprese con più di 1000 dipendenti. Gli imprenditori potranno licenziare i dipendenti anziani in cambio di tale scivolo a chi ha maturato il diritto alla pensione di vecchiaia o il requisito minimo contributivo.

Ampliamento del diritto alla pensione d’inabilità per malattie derivanti dall’amianto, ampliamento delle tipologie di malattie asbesto-correlate;

 Bonus occupazione Sud: rifinanziamento per applicare lo sconto contributivo per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2019.

****************

Altre norme

Super-ammortamento:  la maggiorazione sul costo d’acquisizione del 30%, si applica all’acquisto di beni strumentali nuovi effettuati dal primo aprile al 31 dicembre 2019, o entro il 30 giugno 2020

Deducibilità IMU: al 50% nel 2019, ma con aumento progressivo negli anni. A partire dal 2023 Sarà al 100% sui beni strumentali, ma la percentuale sarà progressiva.

Mini IRES: diminuzione progressiva dell’imposta sul reddito d’impresa, che scende al 22,5% nel 2019, 21,5% nel 2020, al 20,5% nel 2021 e al 20% dal 2023.

Bonus per chi dona alle scuole: Chi donerà almeno 10.000 euro in un anno alle scuole d’istruzione tecnica o professionale, o indirizzo agrario, per la realizzazione, riqualificazione e ammodernamento di laboratori, e assumono con contratto a tempo indeterminato gli studenti delle stesse scuole al termine del ciclo scolastico, sarà riconosciuto uno sconto sui contributi previdenziali da versare per i neoassunti fino a un massimo di un anno.

Flat-tax: Sale da 5 a 9 anni per i pensionati che si trasferiranno nel Mezzogiorno.

Sale da 5 a 9 anni per i pensionati che si trasferiranno nel Mezzogiorno.

I requisiti sono:
– percepire redditi da pensione erogati da Paesi esteri con i quali sono in vigore accordi di cooperazione amministrativa
– trasferire la residenza in Italia dopo aver trascorso all’esterno almeno cinque anni consecutivi

Tutela del “Made in Italy” – Specifiche misure sono state introdotte a tutela dei “marchi storici d’interesse nazionale”, anche con l’istituzione di un apposito Fondo per interventi nel capitale di rischio in imprese titolari o licenziatarie di un marchio storico, o comunque in possesso dei requisiti per l’iscrizione del proprio marchio come marchio storico, che intendano chiudere o delocalizzare.

Indennizzo fino a 200 mila euro per i truffati dalle banche, in altre parole per chi ha subito danni economici dai comportamenti illeciti degli istituti di credito.

Dimezzato il fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa: dai 200 milioni di euro inizialmente previsti arrivano a 100 milioni.

Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial