Di Pronto Soccorso, di vizi e di virtù. Cosa può migliorare con la riforma?

Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

emergency.live.com – https://urly.it/32g1b

Come funzionerà il Pronto Soccorso dopo la riforma? Cosa serve davvero per interfacciarsi con una domanda di sanità d’emergenza radicalmente diversa da quella di vent’anni fa?

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Christian Ramacciani Isemann, infermiere di dipartimento emergenza-urgenza presso la USL Toscana sud-est, e apriamo il dibattito. I vostri contributi sono importanti e questa discussione non potrà che fare bene al mondo dei servizi pre-ospedalieri e di Pronto Soccorso. 

Da qualche giorno è tutto un gran parlare del documento sui pronto soccorso partorito dalla Conferenza Stato-Regioni. Occhi poco attenti hanno focalizzato l’attenzione su un singolo aspetto, quello che indica i tempi di accesso alle aree di trattamento rispetto ai singoli codici di priorità: un’attenzione ingenua e superficiale che ha avuto delle letture estremamente critiche da parte della popolazione e, purtroppo, anche dei professionisti (anche, purtroppo, di quelli impegnati quotidianamente nei servizi di emergenza-urgenza). In realtà i documenti sono tre e riguardano aspetti critici ed essenziali dei pronto soccorso di oggi:

  • Il triage;
  • L’osservazione breve intensiva;
  • Il sovraffollamento.
Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial