Violenza domestica e di genere: l’introduzione del c.d. “Codice Rosso”

Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

Studio legale LUCA DI GIORGI


Avvocato quali sono le principali novità introdotte in tema di violenza domestica e di genere?

La Legge n. 69 del 19 luglio 2019 (c.d. “Codice Rosso”) introduce nel nostro ordinamento una serie di novità di diritto penale sostanziale e processuale, con l’intento di garantire una maggiore tutela nei confronti delle vittime di violenza domestica e di genere.

In breve (e in maniera acritica), tra le novità più rilevanti è stato previsto un iter più veloce rispetto all’avvio dei procedimenti penali per talune fattispecie di reato [tra cui i maltrattamenti in famiglia, gli atti persecutori (c.d. stalking) e la violenza sessuale].

Sono stati introdotti nel codice penale quattro nuovi reati: il delitto di costrizione o induzione al matrimonio o unione civile (art. 558 bis c.p.); il delitto di deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso (art. 583 quinquies c.p.); il delitto di diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate [(art. 612 ter c.p.) c.d. “revenge porn”]; il delitto di violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento dei luoghi frequentati dalla persona offesa (art. 387 bis c.p.).

È stato previsto inoltre un inasprimento del trattamento sanzionatorio per i reati di maltrattamenti in famiglia, di atti persecutori e di violenza sessuale.

Il termine per la proposizione della querela nel delitto di violenza sessuale è stato aumentato da sei mesi a dodici mesi.

Quale consiglio si può dare a chi è rimasto vittima di queste forme di violenza? 

Il consiglio che mi sento di dare è innanzitutto quello di contattare prontamente le Forze dell’Ordine ogniqualvolta si renda necessario un loro intervento a tutela della propria (o dell’altrui) incolumità.

Ritengo poi sempre opportuno che la vittima di violenza si rivolga quanto prima a un Avvocato penalista, al fine di poter ricevere una qualificata consulenza e assistenza legale.

Ricordo inoltre che in relazione a una serie di reati – tra i quali la violenza sessuale, i maltrattamenti in famiglia e gli atti persecutori (c.d. stalking) – la persona offesa può essere ammessa al patrocinio a spese dello Stato anche in deroga ai limiti reddituali previsti dalla legge. Avv. Luca Di Giorgi

Studio Legale Avv. Luca Di Giorgi

Via Salvatore Quasimodo, 129 – 00144 Roma – Cell. 328.8910279 – Fax 06.5018575

E-mail: lucadigiorgi@yahoo.it – PEC: lucadigiorgi@ordineavvocatiroma.org

Web: www.studiolegalelucadigiorgi.it

Please follow and like us:
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
LINKEDIN

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial