subscribe: Posts | Comments

Carla Raineri: “Non faccio beneficenza, ho pieno diritto a quei soldi”

0 comments
Carla Raineri: “Non faccio beneficenza, ho pieno diritto a quei soldi”

http://www.repubblica.it/politica/2016/08/14/news/carla_raineri_non_faccio_beneficenza_ho_pieno_diritto_a_quei_soldi_-145983128/

ROMA – “Non sono venuta a Roma per fare beneficenza al Campidoglio”. Carla Raineri, appena nominata capo di Gabinetto dalla sindaca Virginia Raggi, non ci sta. Ridimensiona le accuse dell’opposizione ad “attacchi strumentali” e si sfila dalla bufera social partita dopo la pubblicazione del contratto che ha firmato la scorsa settimana con il Comune di Roma: “Le chiacchiere stanno a zero. Chi critica il mio stipendio, conduce una battaglia contro tutta la magistratura “.

Dottoressa Raineri, per il Pd e il resto dell’opposizione il problema non sono i giudici, ma i 193mila euro che le ha garantito il Campidoglio pentastellato.
“Ho portato i miei cud in Campidoglio, sono consultabili. La cifra per cui oggi ci si scandalizza è versata a tutti i giudici che hanno una certa anzianità. Si aggiorna in automatico in base agli anni di servizio. Ho iniziato a lavorare nel 1981 e tutti i colleghi che hanno passato quel concorso hanno il mio stesso stipendio. Se la sindaca Raggi ha deciso di volere al suo fianco un magistrato, lo pagherà il dovuto”.

Ma con Tronca aveva un contratto da soli 30 mila euro all’anno.
“Ora sono in aspettativa dal Csm, che non mi versa più assegni. Prima, con il commissario, non era così. Ripeto, se qualcuno vuole combattere questa battaglia, allora dovrà dire che tutti magistrati hanno stipendi d’oro. Dovrà vedersela con l’Anm”.

Quindi i 193 mila euro non sono un azzardo della giunta M5s?
“Ne ho diritto in quanto giudice. Sono a 600 chilometri da casa, entro alle sette del mattino in Comune ed esco a mezzanotte ogni singolo giorno. A lavorare gratis non sarei mai andata. Nessuno, però, ha ricordato che con Marino il mio predecessore (Luigi Fucito, ndr) guadagnava 263mila euro”.

Repubblica, però, lo ha scritto. Finita la bufera, cosa farà?
“Posso lasciare quando voglio. Resterò in Campidoglio fino a che ho interesse. Sono qui per contrastare quell’illegalità diffusa che a Roma si è palesata negli ultimi anni. Io sono un presidio di legalità interno a Palazzo Senatorio”.

Ha firmato il dossier su Affittopoli per cui gli ex sindaci Alemanno e Marino potrebbero essere condannati dalla Corte dei conti. Sarà piaciuto al M5s. Sta lavorando ad altri fascicoli?
“Ora ho un ruolo diverso, ma resterò comunque vigile per vedere quello che mi passerà davanti”.

Rispondi




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: