subscribe: Posts | Comments

Dagli Usa c’è l’Ok per una nuova terapia genica che blocca il linfoma

0 comments
Dagli Usa c’è l’Ok per una nuova terapia genica che blocca il linfoma

http://notizie.tiscali.it  –  https://goo.gl/12kKcr

Arriva dagli Stati Uniti una nuova, grande speranza per i tanti pazienti – 16mila ogni anno solo in Italia – colpiti da linfoma, una forma di tumore del sangue. L’Ente regolatorio Usa per i farmaci, il Food and Drug Administration (Fda) ha infatti approvato l’immissione in commercio di un nuovo trattamento di terapia genica contro questa neoplasia, nella forma aggressiva degli adulti: si tratta della seconda terapia genica per i tumori del sangue ad aver ottenuto luce verde dall’Fda, dopo che lo scorso agosto era stata approvata una prima terapia genica contro la leucemia dei bambini. L’Fda ha autorizzato l’immissione in commercio del trattamento, che prevede un’unica somministrazione e che utilizza la stessa tecnologia – definita CAR-T – della prima terapia genica approvata ad agosto. In pochi decenni, ha commentato il commissario dell’Fda Scott Gottlieb, “la terapia genica è passata da un concetto promettente ad una soluzione pratica contro forme di cancro letali o intrattabili”.

Il trattamento costerà 373mila dollari per paziente

Il trattamento, informa l’azienda, costerà 373mila dollari per paziente ed è stato approvato per malati che sono stati già trattati con altre terapie avendo, però, un esito negativo. Questa nuova terapia, ha rilevato Frederick Locke del Moffit Cancer Center a Tampa, che ha contribuito alla sperimentazione del farmaco, “rappresenta un importante avanzamento per i pazienti che non hanno altre opzioni”. Nello studio clinico, il trattamento è stato somministrato a 101 pazienti: il 72% ha registrato una diminuzione delle dimensioni del tumore e circa la metà dei pazienti trattati non mostrava segno della malattia a distanza di 8 mesi. Tuttavia, tre pazienti sono morti ed il trattamento può causare seri effetti collaterali: per questo, l’Fda ha richiesto un ulteriore studio sulla sicurezza del farmaco a lungo termine.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *