subscribe: Posts | Comments

Dal pesce spagnolo ai peperoni turchi: ecco i 13 alimenti più pericolosi per la salute

0 comments
Dal pesce spagnolo ai peperoni turchi: ecco i 13 alimenti più pericolosi per la salute

ww.quotidianosanita.it/  –  https://goo.gl/QyCZmD

Ma ci sono anche i pollami olandesi e polacchi, le arachidi americane e i peperoncini indiani. La black list l’ha presentata la Coldiretti a Cernobbio ed è stata redatta sulla base delle rilevazioni dell’ultimo rapporto del sistema di allerta rapido europeo sugli allarmi per rischi alimentari causati da residui chimici, micotossine, metalli pesanti, inquinanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti. Confermata la posizione di vertici in termini di qualità e sicurezza dei cibi made in Italy.

21 OTT – La Turchia è la peggiore per quanto riguarda i cibi contaminati: peperoni, fichi secchi, nocciole, pistacchi contengono pesticidi e aflatossine (micotossine prodotte da specie fungine oppure da altre muffe. Sono altamente tossiche e sono ritenute essere tra le sostanze più cancerogene esistenti).

Ma la classifica dei prodotti alimentari più pericolosi stilata da Coldiretti e presentata al forum di Cernobbio è lunga: pesce spada e tonno dalla Spagna inquinato da metalli pesanti, integratori e cibi dietetici con ingredienti non autorizzati dagli Stati uniti, arachidi dalla Cina contaminate da aflatossine cancerogene, sono sul podio della “black list” dei prodotti alimentari più pericolosi per la salute, che chiude con al decimo posto, appunto, i pistacchi dalla Turchia per la presenza di aflatossine oltre i limiti di legge.

Il dossier Coldiretti su “La classifica dei cibi più pericolosi” è stato presentato al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’alimentazione di Cernobbio sulla base delle rilevazioni dell’ultimo rapporto Sistema di allerta rapido europeo (RASFF), che registra gli allarmi per rischi alimentari verificati a causa di residui chimici, micotossine, metalli pesanti, inquinanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti nell’Unione Europea nel 2016.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *