subscribe: Posts | Comments

Estate rovente: le iniziative della FAP e delle ACLI di Roma per gli anziani. Di Michela Grassi

0 comments
Estate rovente: le iniziative della FAP e delle ACLI di Roma per gli anziani. Di Michela Grassi

È arrivato il caldo torrido a Roma e, come ogni anno, le categorie che più ne risentono, ma che sono anche più a rischio, sono gli anziani e i bambini. I bambini, inconsapevolmente, hanno sempre al loro fianco qualcuno che si prende cura di loro e che cerca di proteggerli dal caldo, mentre invece purtroppo per gli anziani non sempre è così. Allora, per contrastare il caldo e la solitudine, i due peggiori nemici dell’estate specialmente per i tanti anziani che restano in città, sono scese in campo due associazioni: la FAP (Federazioni Anziani e Pensionati) e le ACLI (Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani). Come spiega Lidia Borzì, presidente delle ACLI di Roma, «Anche quest’anno la FAP e le ACLI di Roma scendono in campo per contrastare il grande caldo con lo stile che le contraddistingue, coniugando concretezza e attività di ampio respiro. Per far fronte all’emergenza mettiamo a disposizione la sede provinciale anche nel periodo estivo, agosto compreso, con aria condizionata e beni di conforto, attività ludico-ricreative, sala lettura e prestito libri, cineforum, corsi di alfabetizzazione informatica e giochi di società, mentre quotidianamente promuoviamo progetti che sostengono e valorizzano il protagonismo e l’impegno civico degli anziani con azioni di prevenzione delle situazioni di disagio tra cui il taxi solidale e il progetto di vigilanza fuori le scuole». Si è espresso in merito alla questione anche Antonio Pitzoi, segretario FAP ACLI di Roma, affermando: « Importante fare la nostra parte. In questo periodo dell’anno sono molti gli anziani che vivono situazioni di disagio per il gran caldo o per la solitudine particolarmente sentita in una grande città come Roma, è per questo che riteniamo importante promuovere iniziative di sostegno concreto che accompagnino percorsi virtuosi di coinvolgimento di anziani attivi che possono mettere a disposizione il proprio tempo a favore di coloro che vivono situazioni di maggiore fragilità. Il nostro obiettivo è infatti quello di rimettere in circolo l’energia rinnovabile della terza età».

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: