subscribe: Posts | Comments

Fuoco, notte di paura. Due pompieri intossicati dal fumo e ricoverati

0 comments
Fuoco, notte di paura. Due pompieri intossicati dal fumo e ricoverati

http://www.trcgiornale.it/

Sono stati dimessi questa mattina attorno alle 9 i due vigili del fuoco della caserma Bonifazi che erano rimasti intossicati dal fumo ieri sera nel corso delle difficilissime operazioni di spegnimento dell’incendio sviluppatosi nel tardo pomeriggio in via Don Milani (foto di Alessio De Martis) e che ha interessato circa 30 ettari di territorio. Il forte vento di tramontana ha spinto infatti le fiamme, che in alcuni casi hanno raggiunto i venti metri di altezza e di lunghezza, verso la zona sud di Civitavecchia.

Una situazione a dir poco infernale, quella che si è venuta a creare, quando minuto dopo minuto le fiamme andavano a lambire le abitazioni della zona Faro e di San Liborio e i vigili del fuoco facevano appena in tempo a mettere in sicurezza un’area che dovevano immediatamente fronteggiare una nuova emergenza. Cinque le squadre della caserma Bonifazi al lavoro. Le due squadre che dovevano terminare il turno alle 20 sono rimaste in servizio fino a oltre la mezzanotte, utilizzando tutti i mezzi a disposizione forniti di acqua. In loro supporto, visto che la situazione peggiorava di minuto in minuto sono sopraggiunti i rinforzi dal comprensorio: una squadra da Bracciano, due da Cerveteri, due da Roma Prati e una da Roma Nomentana specializzata nel trasporto di autorespiratori. Con il passare delle ore, infatti, gli autorespiratori in dotazione alle diverse squadre di pompieri al lavoro andavano esaurendosi e necessitavano di essere ricaricati. Sul posto, a fornire supporto, mezzi del 118, dei Carabinieri, della Polizia di Stato e alcuni moduli della Protezione Civile. Il lavoro dei vigili del fuoco è stato fondamentale non solo nel salvaguardare abitazioni e attività commerciali della zona, ma anche e soprattutto per evitare che le fiamme raggiungessero in qualche modo i tanti bomboloni di gpl presenti nelle case rurali che si trovano nell’area interessata dall’incendio. Si sono così evitate esplosioni che avrebbero potuto determinare danni gravissimi alle cose e, soprattutto, alle persone. L’incendio è stato domato definitivamente attorno alle 5. E una parte delle squadre impegnate al Faro e a San Liborio è stata poi costretta a trasferirsi, attorno alle 23,30, in zona Bricchetto, dove nei pressi dell’area Feltrinelli aveva preso fuoco il canneto che costeggia la linea ferroviaria ed alcune abitazioni. Anche qui, fiamme altissime alimentate dal vento. L’incendio è stato domato in circa due ore.

Rispondi




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: