subscribe: Posts | Comments

Il dolore dei colleghi: “D’Andrea – volontario vigili del Fuoco -era sempre disponibile”

0 comments
Il dolore dei colleghi: “D’Andrea – volontario vigili del Fuoco -era sempre disponibile”

http://messaggeroveneto.gelocal.it/

UDINE. «Il nostro pensiero in questo momento va alla famiglia di Oscar, in particolare alla mamma e al fratello.

Il Comando di Udine perde un valido vigile del fuoco, sempre disponibile e pronto ad ogni richiesta, come lo sono tutti i volontari.

Desidero esprimere ai familiari ed ai colleghi che hanno avuto la fortuna di lavorare con lui a nome mio e di tutto il Comando le più sentite condoglianze».

Lo ha detto il Comandante dei Vigili del fuoco di Udine, Vincenzo Lotito che, appena appresa la notizia della morte del pompiere, è andato sul posto, nella zona di Moggio Udinese.

La vittima è il vigile del fuoco volontario Oscar Lido D’Andrea, di 51 anni, di Nivelles (Belgio), residente a Rigolato.

D’Andrea, che assieme al fratello gestiva un’agenzia pubblicitaria a Tolmezzo, era iscritto nel ruolo dei Vigili del Fuoco volontari da oltre 20 anni e periodicamente veniva richiamato per prestare servizio nella sede di Udine e nei vari distaccamenti, oltre a svolgere servizio da volontario al distaccamento di Rigolato.

«Un grave lutto ha colpito il Comando Provinciale dei Vigili del fuoco di Udine», ha aggiunto Lotito.

D’Andrea è deceduto mentre nel primo pomeriggio, subito dopo la conclusione delle operazioni per il salvataggio di un escursionista che si era infortunato in località Granzaria, in Val Aupa, nel Comune di Moggio Udinese.

D’Andrea, assieme ai colleghi di Gemona, Pontebba e Udine stava percorrendo il sentiero per il rientro quando si è improvvisamente accasciato per un forte malore.

Nonostante gli immediati soccorsi praticati sia dai compagni che dal personale del 118 presente sul posto non ha ripreso conoscenza.

La salma è stata ricomposta nella sala mortuaria dell’ospedale di Tolmezzo. Lotito è andato sul posto assieme al funzionario di guardia Eugenio Bagnarol e al medico del Comando, Vincenzo Ventre.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *