subscribe: Posts | Comments

HOTEL MADONNA DI CAMPIGLIO. Il Parco naturale Adamello Brenta e le Dilomiti patrimonio dell’UNESCO

0 comments
HOTEL MADONNA DI CAMPIGLIO. Il Parco naturale Adamello  Brenta e le Dilomiti patrimonio dell’UNESCO

Madonna di Campiglio sorge a 1550 m s.l.m. e nasce come vera e propria località turistica a partire dalla fine del ‘800 quando prima Giovan Battista Righi e poi l’imperatore Franz Josef Osterreicher con la moglie la principessa Sissi, investirono in questo territorio credendo nelle sue potenzialità. Il primo infatti contribuì alla realizzazione della strada di collegamento tra Pinzolo e Campiglio e il secondo si impegnò nel restaurare e ammodernare edifici trasformando la località nella meta preferita dalla famiglia e della nobiltà mitteleuropea.

Immersa nel Parco Naturale Adamello Brenta che le fa da cornice diventa una pacifica oasi naturale. Il Parco Naturale Adamello Brenta è la più vasta area protetta del Trentino, con i suoi 620 kmq comprende i gruppi montuosi dell’Adamello e del Brenta, separati dalla Val Rendena e compresi tra le valli di Non, di Sole e Giudicarie. E’ interessato dalla presenza di 48 laghi e dal ghiacciaio dell’Adamello, uno dei più estesi d’Europa.

_DSC2612
_DSC1568
_DSC1413
_DSC1234
_DSC1132
_DSC1153
_DSC1096
_DSC0660
_DSC0330

Il 26 giugno del 2009, il giudizio unanime dei membri del Consiglio Mondiale dell’Unesco, proclama le Dolomiti patrimonio mondiale dell’umanità e e fa entrare tra le 176 gemme naturali della terra per la loro «straordinaria bellezza paesaggistica e la specificità geologica». Situate nella parte più occidentale della regione dolomitica, nel quadrante occidentale della provincia di Trento, le Dolomiti di Brenta sono un’isola di dolomia della superficie di 11.135 ettari delimitata a ovest dalle valli Giudicarie, mentre ad est si trova la Val di Non e a nord la Val di Sole. Nelle Dolomiti di Brenta le possibilità di escursioni sono infinite, per tutti i gusti e tutti i livelli di preparazione, dalle passeggiate a fondovalle fino alle escursioni più impegnative.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *