subscribe: Posts | Comments

Incendio a Monastir nell’ex Scuola Penitenziaria destinata a diventare centro d’accoglienza

0 comments
Incendio a Monastir nell’ex Scuola Penitenziaria destinata a diventare centro d’accoglienza

http://www.rainews.it/d

I vigili del fuoco hanno lavorato alcune ore per mettere in sicurezza la struttura di Monastir dove ignoti nella motte hanno appiccato il fuoco provocando danni al locale caldaie L’ex scuola di Polizia Penitenziaria è al centro delle polemiche, inizialmente per la chiusura e ora per la trasformazione in Centro di accoglienza per migranti. Pochi giorni fa l’amministrazione comunale di Monastir ed i comitati cittadini hanno organizzato davanti all’edificio un sit in per protestare contro l’apertura del Centro.

I residenti hanno anche bloccato due autospurgo che dovevano rientrare nella scuola per proseguire i lavori richiesti dalla Prefettura di Cagliari che sta ristrutturando la ex scuola e renderla idonea ad ospitare profughi che sempre più spesso vengono portati in Sardegna che è in piena emergenza per le difficoltà di reperire  strutture per l’accoglienza oramai sature nell’Isola. I danni alla struttura Ha causato danni al quadro elettrico della centrale idrica che fornisce acqua agli impianti dell’ex scuola di polizia penitenziaria l’incendio appiccato da ignoti che sono penetrati nella struttura dopo aver scavalcato la recinzione. Il fuoco, acceso con l’utilizzo di carta poco dopo le 23, ha distrutto il quadro e parte dei cavi elettrici.

L’intero locale delle pompe elettriche è stato annerito dal fumo. Gli attentatori erano decisi a provocare danni ben più gravi nell’edificio di proprietà del ministero dell’Interno, che la prefettura di Cagliari ha intenzione di utilizzare in parte per ospitare migranti, tra le proteste del Comune e delle comunità locali: nel locale caldaie del plesso principale dell’ex scuola vigili del fuoco e carabinieri hanno trovato una bombola di gas da 15 chili per uso domestico, con l’erogatore chiuso, che è rimasta integra nonostante gli incendiari abbiano provocato un’esplosione dopo aver cosparso l’area di benzina. E’ rimasta danneggiata anche una canna fumaria esterna in muratura, la cui stabilità è stata compromessa. Le fiamme si sono spente prima dell’arrivo dei vigili del fuoco. La struttura è stata posta sotto sequestro dai carabinieri.

Sul posto sono intervenute pattuglie della stazione di Monastir, del Nucleo radiomobile della compagnia di Dolianova e degli agenti della polstrada di Cagliari.  Sull’isola è emergenza 1.258 i migranti che sono sbarcati lo scorso 7 ottobre in Sardegna. Un numero considerevole che sta mettendo a dura prova la macchina dell’accoglienza. Il Prefetto – subito dopo l’arrivo della nave nel porto di Cagliari – non ha nascosto le tante difficoltà incontrate nell’individuare strutture atte ad accogliere i profughi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: