subscribe: Posts | Comments

La scienza è chiara sui danni da «spinello»

0 comments
La scienza è chiara sui danni da «spinello»

http://www.avvenire.it/

Gli scienziati sanno anche essere sarcastici; è il caso del titolo dell’importante rivistaLancet Psychiatry di agosto, dove due ricercatori canadesi così sintetizzano nel titolo l’urgenza di inviare segnali sui rischi della cannabis ad un mondo che finge di non sentire: «Cannabis e psicosi: capire i segnali di fumo», dove il termine ‘fumo’ è volutamente sarcastico per un messaggio tragico: «La cannabis può contribuire allo sviluppo della schizofrenia». Lo conferma la rivista Acta Psychiatrica Scandinavica di agosto, perché il suddetto ‘fumo’ da marijuana non è quel ritrovato innocuo di cui parlano irresponsabilmente troppi giornali, ma un insieme di sostanze che trasmettono gli impulsi tra le cellule nervose, alterandoli. Per esempio, riportano gli studiosi, una di queste sostanze, il THC, «è spesso associato ad effetti deleteri come alterazione della coscienza, ansia e sintomi psicotici».

Già questo fa capire i rischi di una liberalizzazione della vendita di cannabis, perché rende implicito e talvolta colpevolmente esplicito il messaggio che la marijuana non fa male anzi. Eppure basterebbe – è chiedere troppo?- che i giornalisti si informassero sui motori di ricerca scientifici ufficiali invece di riflettere luoghi comuni. Per smentire i supposti benefici della marijuana, la rivista Drug and Alcohol Dependence di settembre mostra in una ricerca che laddove si legalizza la marijuana, ne aumenta l’uso fra i giovani e, se non bastasse, aumenta anche l’uso di tabacco. E il Journal of Clical Psychiatry di agosto spiega che non ci sono le evidenze per consigliare la marijuana ‘terapeutica’ nelle malattie mentali mentre il JAMA recentemente spiegava che l’uso terapeutico di cannabinoidi è limitato a pochi selezionate malattie con dolore cronico severo e spasticità; ma si badi bene, spiega Biochemical Pharmacology di luglio riportando gli ultimi progressi nel settore, che non è ‘lo spinello’ che cura, ma un apposito spray con solo alcune molecole derivate dalla cannabis.

Ma, smentiti i ‘benefìci’, continuiamo a guardare i ‘segnali di fumo’ mandati dalla letteratura scientifica sulle reali conseguenze della cannabis. Per restare al solo mese di agosto, la rivista Biological Psychiatry riporta la descrizione dei danni da cannabis misurati con la Risonanza Magnetica, perché lo spinello non colpisce ‘solo l’umore’, ma alterando i rapporti tra le cellule del cervello le rimodella e le altera, in particolare con effetto su tre zone chiamate amigdala, ippocampo e corteccia frontale anteriore: nomi complessi ma per i neurologi hanno un preciso significato. L’amigdala è il centro delle emozioni, tutte le paure ma anche il senso di sicurezza passano attraverso la sua integrità; ippocampo è il centro della memoria, in diretta connessione con l’amigdala; infine la corteccia prefrontale è il centro da cui passa la nostra empatia e la capacità di socializzare e razionalizzare gli eventi.

CONTINUA A LEGGERE – https://goo.gl/Z0rzH3

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: