subscribe: Posts | Comments

Roma, 17enne scompare dopo la discoteca: ritrovato alla Nuvola dell’Eur: «È in coma»

0 comments
Roma, 17enne scompare dopo la discoteca: ritrovato alla Nuvola dell’Eur: «È in coma»

ilmessaggero.it  –  https://goo.gl/t4PgMf

È in coma il ragazzo di 17 anni scomparso per qualche ora dopo una lite fuori da un locale dell’Eur e soccorso stamattina in gravi condizioni nel parcheggio della «Nuvola» di Fucksas. Lo si apprende da fonti sanitarie. Il 17enne ha riportato un trauma cranico, toracico e all’addome. È ricoverato in prognosi riservata all’ospedale San Camillo di Roma. A quanto riferito, le ferite sarebbero compatibili sia con una caduta che con un pestaggio o un incidente stradale. Sulla vicenda indaga la polizia.

Ieri sera aveva trascorso la serata in una discoteca dell’Eur ma all’improvviso di lui si erano perse le tracce. A lanciare l’allarme, contattando il 112 intorno alle 4,30, è stato un amico del 17enne. Prima della scomparsa G. D. C. era stato coinvolto in una lite nei pressi di piazzale Marconi all’Eur, di fronte alla discoteca Room 26.

Secondo alcuni testimoni il ragazzo ha litigato con un altro gruppo di giovani. A quel punto sarebbe fuggito inseguito dai suoi antagonisti. Da quel momento si sono perse le sue tracce. I giovani che lo inseguivano, invece, sarebbero tornati indietro per recuperare le auto e andare via.

Il ragazzo, ha scritto la mamma su Facebook lanciando l’appello e pubblicando le sue foto, era senza telefonino e documenti, perché li aveva lasciati nella borsa di un’amica. Sul caso è intervenuta la polizia. Ora gli investigatori stanno cercando di ricostruire cosa sia acdaduto, visionando anche i filmati delle telecamere dell’Eur che potrebbero aver ripreso dettagli importanti.

Il ragazzo, sempre secondo quanto ricostruito, avrebbe tentato di mettersi in salvo scavalcando il cancello di un parcheggio nei pressi della nuvola di Fucksas in viale Asia. A trovarlo il mattino seguente è stato lo zio che ha poi allertato gli agenti della polizia di Stato e il personale del 118.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *