subscribe: Posts | Comments

Salvato in extremis: scrive ai pompieri per ringraziarli

0 comments
Salvato in extremis: scrive ai pompieri per ringraziarli

http://messaggeroveneto.gelocal.it/

GONARS. Si è completamente rimesso il quarantacinquenne di Gonars che, giovedì 8 dicembre, era stato trovato in una cava situata lungo la Napoleonica, ferito e provato dal freddo. L’uomo, la notte precedente, era stato fermato dai carabinieri, alle 2.20, mentre era a bordo della sua automobile. Risultato positivo all’alcol test (con 1,19g/l), gli era stato impedito di rimettersi alla guida.

L’uomo non aveva tuttavia voluto chiamare nessuno e si era allontanato a piedi. Da allora non aveva più dato notizie di sé ai familiari e non era stato rintracciabile. Il mattino dell’8 dicembre erano scattate pertanto le ricerche dell’uomo, residente nel territorio comunale di Gonars, con un ampio dispiegamento di forze tra vigili del fuoco e volontari. Ed è proprio a loro che va il suo pensiero, ora, a pochi giorni dalle festività di Natale.

E così, l’uomo prende carta e penna per ringraziare, indirizzando il suo breve scritto al comando dei Vigili del fuoco di Udine. «Ringrazio – scrive – il corpo dei Vigili del fuoco di Udine, di Cervignano e il reparto elicotteristi di Mestre per il tempestivo e preciso intervento dell’8 dicembre, intervento che mi ha salvato la vita. Colgo l’occasione per porgervi i più sinceri auguri di Buon Natale e di un felice 2017».

Grazie a loro infatti il quarantacinquenne è stato tratto in salvo, soltanto un’ora dopo l’avvio delle ricerche. E’ stato l’elicottero a individuarlo dall’alto, all’interno di una cava lungo la Napoleonica. L’uomo era ferito e provato dal freddo. E’ stato subito soccorso dai sanitari e portato in ospedale. Dopo qualche giorno trascorso al nosocomio di Pordenone l’uomo ha fatto ritorno a casa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *