subscribe: Posts | Comments

Scontro nella Lega, Maroni contro Salvini: trattato con metodi stalinisti

0 comments
Scontro nella Lega, Maroni contro Salvini: trattato con metodi stalinisti

http://www.ilsole24ore.com    https://goo.gl/JxZfBZ

ra il segretario della Lega Matteo Salvini e il governatore della Lombardia Roberto Maroni (segretario della Lega prima di lui) il clima è teso dopo il forfait di quest’ultimo a correre per il bis alla presidenza della Lombardia (rimpiazzato dall’ex sindaco di Varese Attilio Fontana) per «ragioni personali». Di fronte ai rumors che Maroni punti a un ministero o addirittura a palazzo Chigi in caso di vittoria del centrodestra, Salvini in più occasioni ha chiuso le porte a questa ipotesi («Se lasci il tuo incarico in Regione Lombardia – ha detto – evidentemente in politica non puoi più fare altro»).

Maroni: da Salvini metodi staliniani contro di me
Ma lo scontro oggi sale di livello con l’accusa lanciata da Maroni a Salvini in una lunga intervista al Foglio di aver usato «metodi staliniani» contro di lui. L’ex ministro dell’Interno parla di «dispiacere per le dichiarazioni sprezzanti e sorprendenti» del leader del Carroccio. Poi assicura di non avere retropensieri o ambizioni inconfessate: «In tanti si affannano a dire che io non sarò ministro – spiega – ma chi vuole fare il ministro? Non pretendevo di sentirmi dire che sono stato un bravo governatore, pretendevo però che il segretario del mio partito non utilizzasse la mia scelta di vita per cercare di colpirmi».

E lancia accuse pesanti: «Salvini sapeva tutto da mesi, è stato il primo a saperlo, il secondo è stato Berlusconi, ed è stato Salvini a concordare con me le tempistiche dell’annuncio. Io sono un leninista convinto, uno che crede nella leadership. Ma non avrei mai creduto di trovarmi di fronte un leader stalinista».

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *