subscribe: Posts | Comments

Striscioni pubblicitari illegali alla Loggia de’Lanzi, il direttore degli Uffizi chiama i vigili del fuoco e li fa rimuovere

0 comments
Striscioni pubblicitari illegali alla Loggia de’Lanzi, il direttore degli Uffizi chiama i vigili del fuoco e li fa rimuovere

repubblica.it

 Quasi una beffa. Due grossi striscioni pubblicitari con la scritta Chianti Banca sono stati affissi nel luogo più vietato e controllato di Firenze: alla Loggia de’ Lanzi, nell’edificio di competenza delle Gallerie degli Uffizi.

I due striscioni sono stati appesi a due colonne in una zona “rossa” con l’affaccio in piazza della Signoria e lì dal mattino sono rimasti fino a sera. E’ stato lo stesso direttore delle Galleria degli Uffizi, Eike Schmidt, ieri sera, dopo che le foto hanno cominciato a girare sui social nello stupore generale e dopo che la cosa è stata segnalata da alcuni addetti del museo, a chiamare i carabinieri e poi i vigili del fuoco.

I due striscioni illegalmente sistemati in quel posto, sono stati rimossi sotto la vigilanza dello stesso direttore che malgrado la febbre è arrivato nel piazzale molto innervosito. “Mi ero portato da casa delle forbici da giardino, poi mi sono fatto anche portare una scala dalla Galleria – racconta il direttore – ma mi sono subito reso conto che erano troppo in alto e servivano i mezzi dei vigili del fuoco”.

Certo fa riflettere che tutto questo sia potuto accadere, sotto l’occhio delle telecamere, dei vigili urbani, dei volontari che presidiano l’area. “Un camion non dovrebbe arrivare fino a lì senza essere controllato” sottolinea Schmidt.

Accertamenti sono in corso adesso per capire (e non sarà difficile) chi sia la ditta che abbia potuto affiggere in quel luogo iperprotetto e vietato, i due striscioni pubblicitari. Oltretutto proprio lì per stasera è previsto uno dei concerti di Capodanno e “sarebbe stato un colpo pubblicitario notevole, le foto con la pubblicità avrebbero fatto il giro del mondo” fanno capire dagli Uffizi.

La beffa però è che Chianti Banca è lo sponsor del concerto di Capodanno del maestro Lanzetta e in qualità di sponsor alla banca è stato chiesto di fornire due striscioni di una misura precisa. Cosa che l’istituto ha fatto senza sapere né come né dove sarebbero stati messi.

Ora però, se si va a vedere un concerto che si tenne nello stesso posto qualche anno fa, si scopre che due striscioni identici erano stati issati nello stesso posto, cioé proprio sulle due colonne della Loggia de’ Lanzi senza che nessuno abbia bloccato la cosa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *