subscribe: Posts | Comments

Stuprava la figlia minorenne e la “prestava”: niente carcere, reato prescritto

0 comments
Stuprava la figlia minorenne e la “prestava”: niente carcere, reato prescritto

http://www.gazzettadiparma.it/  –  https://goo.gl/C9n7tQ

Per lungo tempo, 20 anni fa, avrebbe a più riprese violentato la figlia, che all’epoca era solo una bambina. Non solo, in diverse occasioni l’avrebbe anche “prestata” ad alcuni suoi amici: abusi su abusi. Per quelle violenze l’uomo è stato condannato in primo grado a dieci anni di reclusione, ma la Corte d’Appello di Venezia ha dovuto pronunciare un verdetto di non luogo a procedere nei suoi confronti perché, ora, il reato è prescritto.
Una conseguenza, questa, di una recente sentenza della Corte di Cassazione – la 28.953 dello scorso giugno – che di fatto ha accorciato i tempi della prescrizione per i reati di violenza sessuale commessi sui minori di 14 anni: un’aggravante che la Suprema corte ha reso “meno pesante”. E per lo stupratore – presente l’altro giorno alla lettura della sentenza, sicuro di farla franca – neppure un giorno di prigione.
Il primo verdetto – come scrive il Corriere del Veneto – fu del Tribunale di Treviso, che condannò l’imputato a 10 anni di reclusione per avere ripetutamente abusato della figlia minorenne, a partire dal 1995, quando la bambina aveva solo 8 anni. L’uomo era separato e le violenze sarebbero avvenute soprattutto nei week end che la bambina trascorreva con lui, quando si ubriacava e diventava violento. Abusi ai quali si sarebbero aggiunti anche quelli da parte di conoscenti del padre, gli “amici del bar”, ai quali l’avrebbe “ceduta”. Una interminabile serie di violenze e minacce, che però vennero alla luce molto tempo dopo, quando la ragazza trovò il coraggio di confidarsi prima con il fidanzato, poi con la madre e con i fratelli, che la convinsero a presentare denuncia.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *