subscribe: Posts | Comments

“Suo figlio è bocciato”: il padre picchia e cerca di strozzare un giovane professore a Roma

0 comments
“Suo figlio è bocciato”: il padre picchia e cerca di strozzare un giovane professore a Roma

repubblica.it  –  https://goo.gl/M9mdVB

ROMA – Hanno convocato i genitori  a scuola per comunicare la bocciatura del figlio, 15 anni, iscritto al primo anno di un Istituto tecnico industriale di Roma. L’Itis Di Vittorio Lattanzio di via Teano, sulla Prenestina. I genitori hanno aggredito il giovane docente, 24 anni a ottobre, e l’hanno mandato all’ospedale. Con un trauma cranico e alla schiena, un principio di soffocamento. Il padre, dopo averlo riempito di calci e  pugni, ha cercato di strozzarlo.

E’ accaduto ieri pomeriggio, nel corso degli scrutini aggiuntivi della scuola. Il professore di Aversa, primo anno di insegnamento, assistente tecnico del laboratorio di disegno, era nel collegio che doveva comunicare la cattiva notiiza. La scuola, racconta una coordinatrice, aveva illustrato alla famiglia l’andamento del ragazzo nel corso dell’anno. Il registro elettronico ne era stato impietoso testimone. Dopo un breve preambolo della professoressa di disegno, è arrivata la certificazione: “Vostro figlio, purtroppo, dovrà ripetere l’anno scolastico”. I due genitori si sono alzati in piedi, hanno iniziato a insultare i professori presenti, il preside. Il dirigente scolastico si è allontanato: il padre ha cercato di colpirlo alle spalle. E’ intervuto il giovane professore, ha spostato il preside per evitargli i colpi e ha preso un pugno in faccia. Il padre del ragazzo bocciato, fuori controllo, si è accanito sul docente: pugni, calci, e non si è fermato quando il giovane è crollato a terra. Si è lanciato sopra e gli ha portato le mani al collo: “Non riusciva a liberarsi”, raccontano testimoni. Il professore di Aversa è stato trasportato in ospedale in ambulanza, quindi ricoverato sotto osservazione. “E’ una famiglia problematica”, dicono adesso a scuola.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *