subscribe: Posts | Comments

Terrorismo a Genova: «Così l’imam albanese cercava di convertire i genovesi»

0 comments
Terrorismo a Genova: «Così l’imam albanese cercava di convertire i genovesi»

http://www.ilsecoloxix.it/

Genova – Nel linguaggio dell’Islam si chiama da ‘wa , l’opera di proselitismo che ogni musulmano deve fare per «avvicinare il prossimo ad Allah». Per chi abbraccia il Profeta non è solo un invito: «ma un dovere, un obbligo», recita il Corano. E “Enes” Bledar Brestha, l’imam albanese di 33 anni alla guida della sala di preghiera di piazza Durazzonel centro storico questo dogma lo seguiva alla lettera.

Scrive la Digos in una informativa al pm del poolanti-terrorismo Federico Manotti: «Non può non essere evidenziata a livello locale e provinciale la costante presenza dell’indagato Brestha in occasione di momenti di aggregazione organizzati da altri centri islamici o manifestazioni culturali».

Un’attività che Brestha portava avanti dal gennaio del 2015 non solo a Genova ma in tutta la provincia. E che riguardava non soltanto la trasformazione di musulmani moderati in estremisti ma anche e soprattutto il reclutamento di giovani genovesi.Soggetti da convertire all’Islam ed successivamente avvicinare alla jihad. Non tanto per compiere attentati a Genova quanto per creare una rete di persone pronte a d arruolarsi all’Isis e partire per la guerra in Siria.

D’altronde nelle tante relazioni che la polizia ha inviato ai magistrati si evince chiaramente la posizione che l’imam di piazza Durazzo aveva nella costituente cellula filo-jihadista genovese nel dicembre del 2015: «Punto di riferimento di questo gruppo oltranzista genovese – scrivono gli agenti – è l’imam Brestha». Considerato dagli inquirenti un «ultra ortodosso» che inviava denaro a cellule albanesi dell’Isis e compiva viaggi sospetti.

Per questo l’opera di proselitismo fatta dall’imam albanese nei confronti di giovani islamici e pure di studenti genovesi assume risvolti particolarmente inquietanti. È riuscito a convertire qualcuno? E ancora ci sono genovesi radicalizzati? La Digos ha in corso accertamenti.

Rispondi




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: