In carcere sono finiti tra gli altri anche Anna Beniamino, la compagna di Alfredo Cospito, già condannato – insieme a Nicola Gai – per avere gambizzato Roberto Adinolfi, amministratore delegato dell’Ansaldo Nucleare, la mattina del 7 maggio 2012 a Genova, mentre usciva di casa per andare la lavoro.

Agli arrestati è contestato il reato di associazione con finalità di terrorismo ed è attribuita agli stessi l’esplosione di tre ordigni: uno presso il quartiere Crocetta di Torino, il giorno 5 marzo 2007, e due ordigni presso la Caserma allievi carabinieri di Fossano in data 2 giugno 2006.

L’attività investigativa è iniziata a seguito del ferimento dell’ingegnere Roberto Adinolfi,  per mano di appartenenti al “Nucleo Olga”, espressione del cartello eversivo “FAI-Federazione Anarchica Informale”.

L’indagine dei poliziotti della Digos di Torino, attraverso l’analisi di un’enorme quantità di documentazione ideologica, ha permesso di ricostruire la struttura associativa e l’evoluzione internazionale della FAI.

All’operazione, coordinata dal Servizio Centrale Antiterrorismo della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione, hanno partecipato anche le Digos di Pescara, Roma e Viterbo. Questo