subscribe: Posts | Comments

Trino: è un tentato furto la causa del disastro all’oleodotto

0 comments
Trino: è un tentato furto la causa del disastro all’oleodotto
LA CONDUTTURA E’ STATA TAGLIATA PER RUBARE GASOLIO. DALLE PRIME STIME OLTRE 150 METRI CUBI DI COMBUSTIBILE AGRICOLO SONO FINITI IN RISAIA. VIGILI DEL FUOCO E TECNICI SONO AL LAVORO DAL POMERIGGIO DI IERI PER EVITARE ALTRI DANNI AMBIENTALI. RESTA CHIUSA LA ASTI – TRINO

http://www.infovercelli24.it/

Non è bastata una notte di lavoro da parte di tecnici e vigili del fuoco per completare il pompaggio di tutto il gasolio che, ieri pomeriggio, ha invaso un’area risicola di notevoli dimensioni alla periferia di Trino, all’incrocio tra le ex statali per Casale e per Moncalvo.

Occorrerà, probabilmente, tutta la giornata per completare la bonifica della zona che sarebbe stata invasa da non meno di 100 – 150 metri cubi di gasolio per uso agricolo. L’oleodotto, nei mesi scorsi, è stato colpito da molti tentativi di furto (alcuni andati anche a segno) e, secondo quanto accertato in queste prime ora dai tecnici, anche questo disastro sarebbe stato causato dal taglio di una delle condutture, fatto allo scopo di rubare gasolio.

Il combustibile è uscito dall’oleodotto che attraversa la zona, riversandosi sulla strada e nella risaia circostante. “Purtroppo lo sversamento che c’è stato è importante e ha riguardato un’area di risaia di notevoli dimensioni – fa sapere attraverso Facebook in sindaco di Trino Alessandro Portinaro, che da ieri pomeriggio, insieme alla giunta, sta seguendo le operazioni di bonifica della zona – Continua, grazie alla presenza dei vigili del fuoco, dei tecnici e con l’assistenza dei carabinieri per motivi di sicurezza, il pompaggio del liquido, per ridurre il rischio di inquinamento. Una brutta vicenda, che speriamo non lasci troppi danni”.

La Asti – Vercelli era da subito stata chiusa al traffico per consentire le operazioni di recupero del combustibile, pompato in una grossa cisterna, e la messa in sicurezza della zona; la strada resta tuttora impercorribile.

Tra i residenti c’è grande preoccupazione per le conseguenze della vicenda: nella zona, infatti, ci sono numerosi canali di irrigazione che sfociano poi nel canale Magrelli e il timore è che il gasolio possa creare danni ambientali e alle coltivazioni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *