subscribe: Posts | Comments

Troppi mezzi guasti per i vigili del fuoco di Pistoia

0 comments
Troppi mezzi guasti per i vigili del fuoco di Pistoia

http://iltirreno.gelocal.it/

PISTOIA. L’ultima, in ordine di tempo, ad essersi guastata, è un’Aps (Autopompa serbatoio). «Il camion con cui usciamo per qualsiasi tipo di intervento», spiega Giuseppe Marini, segretario provinciale del Conapo, il sindacato autonomo dei pompieri. A Pistoia una delle due autopompe è andata in tilt domenica 4 settembre e ora, in caso di interventi per cui sia necessario l’uso di due Aps potrà uscire solo una squadra. Ogni autopompa può portare una squadra di cinque uomini. Pistoia era rimasto l’unico comando, in provincia, a potersi muovere contemporaneamente con due Aps.
Questo è l’ultimo, in ordine di tempo, di problemi tecnici dei mezzi dei pompieri, ed è il motivo per cui il Conapo torna a chiedere «camion nuovi». Le priorità: un’Aps piccola, un’autogru, un mezzo boschivo. Perché l’età media del parco mezzi dei pompieri pistoiesi è superiore ai venti anni.
Si dirà, ovunque è così e i soldi scarseggiano. «In altre città ci sono anche mezzi più nuovi ma – commenta Marini – non è una guerra a chi ha l’autopompa meno datata. C’è la necessità di camion efficienti per lavorare». E quando la situazione diventa oggettivamente difficile da gestire è il caso di farlo presente. «Stamani (ieri mattina, ndr) hanno chiamato la direzione regionale per chiedere un mezzo di ricambio, ma la situazione resta complicata», dice Marini.
Negli ultimi mesi le défaillance non sono mancate. «Un caso è quello dell’Aps Volvo ferma da febbraio». Cioé? «Cioé – risponde Marini – il camion sarebbe in garanzia ma la Volvo non riconosce, in questo caso, il diritto alla riparazione in garanzia e dal comando non viene, nel frattempo, pagato il lavoro che permetterebbe di far tornare il camion a disposizione delle squadre. In un’altra città toscana il comando ha avuto lo stesso problema e il comando ha pagato la riparazione. Sono scelte».
C’è poi l’autogru della caserma di Pistoia, inutilizzabile perché da riparare (a Brescia): «Ricordiamo – prosegue il segretario del Conapo – che le autogru servono per il sollevamento e lo spostamento di mezzi. Ad esempio se c’è un’auto incastrata o un tir da rimuovere in seguito a qualche incidente. Ci è stata mandata un’autogru, altrettanto datata, da Livorno».
Un mese fa scoppiò il caso dell’autoscala di Montecatini. Città con oltre 200 alberghi, rimasta senza autoscala con cui intervenire in caso di incendi. Il comando rassicurò che era solo in manutenzione.
Dieci giorni fa si è guastato il camion polilogistico. Nel momento meno indicato, mentre i pompieri stavano andando a soccorrere le popolazioni delle zone terremotate. «Pistoia – spiega Marini – aveva inviato tre mezzi: un polilogistico, un Act (serve per fare i puntellamenti) e un furgone Mercedes con all’interno tende gonfiabili. Il polilogistico si è fermato all’altezza di Firenze per un guasto

ai freni. La squadra ha dovuto portare il mezzo al comando fiorentino, e ora è fermo in riparazione».
Situazione non facile, con il Conapo che conclude: «Comprendiamo le difficoltà, soprattutto economiche. Alcuni camion nuovi sarebbero però effettivamente necessari».

Rispondi




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: