E’ ancora 20 Luglio 1969…50 anni dallo sbarco sulla luna Cosa é cambiato da quel giorno…alcune invenzioni hanno segnato un’epoca!

Spread the love

DINO NEANDRI

Cape Kennedy, Florida. Ore 9,32 locali del 16 luglio 1969. Tre astronauti si avviano verso la rampa di lancio 39, dove il razzo vettore Saturn 5 è pronto per lanciare l’Apollo 11 in orbita verso la fantascienza e i tre nell’olimpo dell’immortalità. Sono Neil Armstrong, comandante della missione, Edwin Aldrin, pilota del modulo lunare Eagle e Michael Collins, pilota del modulo di comando Columbia. Il mondo, ancora in bianco e nero, guarda affascinato e ancora incredulo questa missione che oltre a catalizzare l’attenzione planetaria, nel contempo ammalia attraverso immagini che ci rimandano dallo spazio i volteggi degli astronauti, ora, assente la gravità, buffe sagome sospese e piroettanti. 20 luglio 1969, il modulo lunare atterra sulla luna. La voce eccitata del giornalista e “lunologo” Tito Stagno rimbalza di casa in casa. L’evento è epocale, così come la retorica che scorre a fiumi. “Houston , l’Aquila è atterrata”, comunica Armstrong. Dopo circa sei ore di studio del sito dell’allunaggio e della disposizione delle attrezzature, l’uomo poggia per la prima volta il suo piede sul suolo lunare. Un’impronta immortalata che resterà nella storia quella del comandante Armstrong. Il 21 luglio 1969 i piloti iniziano il viaggio di ritorno verso la terra dopo aver apposto una targa che porta inciso: “Qui uomini del pianeta Terra hanno posato per la prima volta il piede sulla Luna, nel luglio 1969. Siamo venuti in pace in nome di tutto il genere umano”. Questi i fatti, la cronaca. Che volutamente abbiamo raccontato al presente, tanto è ancora fresco il ricordo a 50 anni di distanza, quanto eccezionali i risvolti scaturiti da quell’impresa in termini sia di progressi apportati alla scienza che di sviluppo delle nanotecnologie odierne. 

Ma cosa è cambiato da quel giorno, quali invenzioni della scienza e delle tecnologie sono figlie di quella epocale missione? Disse Neil Armstrong: “Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità”. Facciamo alcuni esempi? La necessità di dover occupare meno spazio possibile durante le missioni lunari portò ad una progressiva miniaturizzazione dell’elettronica e quindi all’utilizzo di microchip e componentistica sempre più sofisticata, elementi sostanziali per la continua evoluzione dei telefoni cellulari e dei computer. La necessità di purificare l’acqua negli spazi ristretti dell’Apollo portò alla creazione dei filtri per l’acqua utilizzati anche oggi, con opportuni accorgimenti, per potabilizzare la stessa e combattere virus e batteri. Anche il cibo liofilizzato ha preso spunto dalle missioni lunari. Si doveva occupare meno spazio, quindi era logico assumere cibo disidratato a bassa temperatura preservandone così il valore nutritivo e il gusto, per quanto possibile. Anche la moderna TAC ebbe come antesignani gli studi per le analisi dei nuovi materiali tecnologici utilizzati per le missioni spaziali. E molto, molto altro ancora. 

Quindi, grazie allo “sbarco” sulla luna noi terrestri siamo continuamente progrediti. Gli esseri umani sopravvivrebbero sulla luna con molta difficolta data l’atmosfera estremamente sottile e la mancanza di acqua liquida. Di contro, bisognerebbe chiedere a qualche marziano come se la passerebbe se sbarcasse sulla terra e si ritrovasse a Roma nel mese di luglio (40°) davanti ad una fila di cassonetti stracolmi di immondizia e di topi intenti a ballare la salsa (di pomodoro). Forse una soluzione a tutto questo ci sarebbe: in un’epoca dove ci si accapiglia solo per gli “sbarchi”, se invece sbarcassimo sulla luna le tonnellate di rifiuti sparsa per Roma forse faremmo prima e spenderemmo meno…

Risultati immagini per luna 50 anni

CURIOSITA’ SPAZIALI:

– Dalle costose tute degli astronauti (2 milioni di euro l’una e 130 Kg) sono derivate le attuali tute ignifughe termoregolate dei Pompieri e piloti di Formula 1.

– Dagli originali scarponi degli astronauti sono derivati gli scarponi da montagna (Moon boot)

– Se la terra fosse grande come una palla da basket, la Luna sarebbe una pallina da tennis 

– Il diametro della Luna equivale alla larghezza della Cina

– Sulla Luna esiste un’enorme escursione termica: dai  +115° a -143°

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *