Danimarca, uccisi 11 milioni di visoni perché infetti: le loro carcasse riaffiorano e inquinano

Spread the love

ilfattoquotidiano.it – urly.it/391f4

Li hanno abbattuti e seppelliti in fretta e a poca profondità nella penisola dello Jutland, vicino a un lago balneabile e nei pressi di una fonte di acqua potabile. Ma ora le carcasse putrefatte degli 11 milioni di visoni uccisi in Danimarca perché positivi al Covid stanno riaffiorando dalle fosse comuni, spinte in alto dai gas di fosforo e azoto sviluppati nel processo di decomposizione. Una grave pesante minaccia per l’ambiente. Senza contare che l’abbattimento di tutti quegli animali, nei quali era stata riscontrata una mutazione del virus che avrebbe potuto anche compromettere l’efficacia del vaccino, è stata ordinata dal governo senza che avesse alcuna autorità per farlo. Un caso sanitario diventato presto politico,che ha portato alle dimissioni del ministro dell’Agricoltura e alle scuse pubbliche, davanti al Parlamento e agli stessi allevatori, della premier Mette Frederiksen. Ma per ora non è stata decisa alcuna forma di compensazione per gli allevatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *