I bambini dei campi: come si vive da sfollati interni

Spread the love

interis.it – urly.it/3d98_

Mentre l’Occidente è in lotta con la pandemia da Covid-19 e piange le centinaia di migliaia di morti causate dal virus in oltre un anno, fuori dai confini del Vecchio Continente, a metà strada con l’Asia, c’è chi conduce una lotta molto più lunga, ma con sempre minori risorse e minore attenzione da parte dell’opinione pubblica internazionale.

Risale al 20 maggio la pubblicazione del rapporto annuale Internal Displacement Monitoring Center dell’organizzazione umanitaria indipendente Norwegian Refugee Council. Il monitoraggio dei flussi migratori relativi agli sfollati interni ci rivela una verità impressionante e scomoda: nel solo 2020 40,5 milioni di persone hanno abbandonato la loro abitazione per spostarsi all’interno del loro Paese, a causa di violenze, conflitti o calamità naturali. Un incremento monstre che porta la cifra complessiva degli Idp (Internally Displaced People) a 55 milioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *