Convegno “Il progetto Quaderni Codice” all’ISA

Spread the love

CORPO NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO

Nel pomeriggio del 8 luglio 2021, presso l’aula magna dell’ISA, si è svolto il convengo “Il progetto Quaderni Codice, una sinergia fra Corpo Nazionale VV.F., INAIL, università La Sapienza e Consiglio Nazionale degli Ingegneri per la diffusione della sicurezza Antincendio”.

Il convegno è stato aperto dal Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Ing. Fabio Dattilo, che ha evidenziato il contributo del Corpo Nazionale al progetto Quaderni Codice. Introdotto dall’ing. Emanuele Pianese, Comandante della ISA e chairperson del convengo, è intervenuto l’ing. Carlo De Petris, Direttore del D.I.T. – INAIL, per sottolineare il ruolo dell’INAIL per l’impegno nella diffusione della sicurezza antincendi.

Il preside della facoltà di Ingegneria civile e Industriale della “Sapienza” di Roma, prof. Antonio D’Andrea, ha rimarcato l’importanza della ricerca scientifica per la diffusione della cultura della sicurezza antincendi. Ha fatto seguito l’ing. Gaetano Fede, coordinatore del Gruppo di Lavoro Sicurezza del CNI, con un intervento incentrato sul ruolo dei professionisti nel progetto Quaderni Codice.

Ha preso la parola il responsabile scientifico dell’INAIL, Ing. Raffaele Sabatino, che ha illustrato l’articolazione del progetto “Quaderni Codice”. Il direttore Centrale per la Prevenzione e Sicurezza Tecnica, ing. Stefano Marsella, ha focalizzato l’attenzione sul ruolo della DCPST nel progetto cui ha fatto seguito l’ing. Michele Mazzaro, vicario della DCPST, con un intervento dal titolo “ L’applicazione del Codice quale strumento di progettazione della sicurezza”. La professoressa Mara Lombardi ha specificato il ruolo dell’Università nella realizzazione del progetto Quaderni Codice, mentre l’ing. Piergiacomo Cancelliere ha indicato le prospettive future della collana. L’ultimo intervento dell’ing. Marco Di Felice del Gruppo di Lavoro Sicurezza del CNI, ha illustrato un esempio pratico di progettazione con il Codice riportato nei quaderni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *