Bangladesh, nella fabbrica distrutta dalle fiamme lavoravano anche bambini di 11 anni. Arrestato il proprietario

Spread the love

ilfattoquotidiano.it – urly.it/3dxrk

Le autorità del Bangladesh hanno arrestato il proprietario della fabbrica in cui è divampato un incendio che ha ucciso 52 persone a Rupganj, città del Bangladesh non lontana dalla capitale Dacca. Dalle indagini è emerso che nello stabilimento della Hashem Food and Beverage di proprietà del gruppo Sajeeb, erano impiegati anche dei bambini di appena 11 anni. Il proprietario della fabbrica non è stato l’unico arresto. Insieme a lui altre sette persone sono finite in manette, tra cui quattro dei suoi figli. Le autorità hanno anche avviato un’inchiesta separata da quella sulla morte degli operai per il lavoro minorile nello stabilimento. Il ministro del Lavoro Monnujan Sufian, ha detto di aver parlato in ospedale con due sopravvissuti di 14 anni, mentre una donna ha fatto sapere che suo nipote di 11 anni aveva lavorato in fabbrica ed era disperso, temendo il peggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *