CdM: nuove tutele per lavoratori di aziende in crisi

Spread the love

pmi.it – urly.it/3dzyq

Il Consiglio dei Ministro, riunitosi il 15 ottobre, ha approvato misure urgenti a tutela dei lavoratori delle aziende in crisi. Il testo del provvedimento adottato prevede in particolare due norme.

Per le imprese in procedura fallimentare o in amministrazione straordinaria, che richiedono dal 1° luglio al 31 dicembre 2021 il trattamento straordinario di integrazione salariale, è previsto l’esonero dal pagamento delle quote di accantonamento del TFR relative alla retribuzione persa a seguito della riduzione o sospensione, e dal ticket sui licenziamenti (estensione della misura di cui all’articolo 43-bis del decreto-legge n. 109/2018).

A seguito della vicenda Whirlpool, e soprattutto a margine dei tavoli sulle crisi Ilva e Embraco, si è intervenuti con la seguente norma, che prevede:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *