L’ing. Ennio AQUILINO è il nuovo Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia

Spread the love

DIREZIONE REGIONALE SICILIA

Palermo, 26 luglio 2021 – Nella mattinata di oggi, presso le sedi della Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia, in via Mariano Stabile e in Piazza Verdi a Palermo, si è svolto il passaggio di consegne tra il Direttore Regionale reggente uscente, l’ing. Gaetano Vallefuoco, e l’ing. Ennio AQUILINO che, da oggi, si è insediato al vertice della Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia.

L’ing Ennio AQUILINO nasce a Roma 58 anni fa, dove si laurea in ingegneria civile.

Nel 1994 entra nei ruoli direttivi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e, già nei primi anni di servizio svolge diverse attività in ambito Europeo e si specializza nella gestione di interventi tecnici complessi, analisi del rischio e formazione in materia di dismissione e controllo delle armi chimiche.

Subito dopo diventerà esperto europeo di gestione integrata delle emergenze e di Crisis management oltre che esperto internazionale in metodologie USAR (Urban Search and Rescue).

Nel 2004 viene nominato dirigente e, dopo aver ricoperto incarichi nell’ambito di Uffici Centrali, nel 2009 assume l’incarico di Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Grosseto (periodo durante il quale si troverà a coordinare l’intervento di soccorso per il naufragio della nave da crociera Costa “Concordia”) e nel 2014, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Viterbo.

Dopo essere rientrato a Roma per la Direzione di ulteriori Uffici Centrali, nel 2015, verrà nominato Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco de L’Aquila, nel 2017, Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Venezia e, nel 2019, Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Napoli.

Nel Consiglio dei Ministri del 9 luglio scorso, l’ing. Ennio AQUILINO, viene nominato Dirigente Generale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e incaricato di ricoprire il ruolo di Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *