Oristano, le fiamme devastano il territorio

Spread the love

CORPO NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO

Nelle scorse giornate il CNVF è stato impegnato nel fronteggiare un vasto incendio boschivo nella provincia di Oristano che ha messo duramente alla prova il territorio. Il rogo ha avuto origine nei comuni di Bonarcado e Seneghe, lo stesso, alimentato da venti provenienti da sud est, ha interessato il comune di Santu Lussurgiu e i comuni di Cuglieri, Tresnuraghes, Flussio, Sagama, Sennariolo e Scano di Montiferro, Bosa, Suni e Modolo, provocando ingenti danni ambientali e interessando varie tipologie di strutture antropizzate (aziende agricole, etc.).

Anche a seguito delle attività e del dispositivo antincendio attivato, l’evento non ha provocato vittime. Il dispositivo di soccorso dei Vigili del Fuoco ha messo in campo la colonna mobile di Sassari con 2 moduli AIB più una ulteriore squadra dal distaccamento di Ozieri, la colonna mobile Cagliari con due moduli AIB, due squadre da Nuoro e da Oristano per un totale di 66 uomini e 27 mezzi oltre a 5 Canadair e 1 AW139 della flotta aerea VVF. A questi, anche in considerazione della suscettività alla propagazione di incendi AIB prevista nel resto del territorio nazionale e in relazione alla consistenza della flotta nazionale AIB, il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato un modulo internazionale di cooperazione aerea AIB, consistente in due velivoli Canadair dalla Francia e due dalla Grecia.

Le operazioni di soccorso hanno reso necessaria l’evacuazione preventiva di circa 900 persone ora tutte rientrate presso le proprie operazioni. È stato attivato un asset su GeoportaleVF per la condivisione dei dati relativi all’emergenza in cui sono riportati le aree percorse dal fuoco e i rilievi puntuali sugli edifici danneggiati dal fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *