Afghanistan, Benigni: “I bimbi gettati oltre il filo spinato hanno la faccia di Cristo, sono il nostro cuore”

Spread the love

repubblica.it – urly.it/3f9hp

“Io ho raccontato la shoah con ironia perché quella era finzione mediata dall’arte, mentre le immagini che arrivano dall’Afghanistan sono la tragica realtà che non può essere ancora trattata con ironia”. Lo ha detto Roberto Benigni ieri sera a Viareggio (Lucca), dove ha ricevuto il premio speciale Città di Viareggio. Benigni ha poi ripreso le parole di Edith Bruck, premiata per “Il pane perduto”: “Stiamo vivendo in un mondo di profughi”. E ha aggiunto: “Ha ragione Edith e il mio cuore è profugo a vedere le madri che gettano i bambini oltre il filo spinato. Quelle sono tutte le facce di Cristo e non possiamo che aiutare quelle persone. Non c’è altro da fare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *