Video – Si chiude oggi a Cerzeto (CS) la simulazione di intervento post sisma, nell’ambito dell’esercitazione nazionale per posti di comando: presenti il Capo dipartimento Lega e il Capo del corpo Parisi.

Spread the love

CORPO NAZIONALE VIGILI DEL FUOCO

Un importante evento sismico con epicentro a Cavallerizzo di Cerzeto, in provincia di Cosenza, e un dispositivo composto da 150 vigili del fuoco per le operazioni di soccorso: questo lo scenario dell’esercitazione “Cerzeto 2021”. In un programma addestrativo per “posti di comando” e “manovre operative”, il cui obiettivo è testare l’efficacia delle procedure, dei tempi di risposta e del coordinamento dei soccorritori durante un’emergenza, in cui sono interessate anche le regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia nella settimana dall’8 al 12 novembre, si inserisce l’esercitazione prevista in Calabria che, in relazione agli scenari simulati e alle manovre da attuare nonché per il numero di unità mobilitate, è una delle più complesse fra quelle programmate dal Corpo Nazionale quest’anno.
“Cerzeto 2021”, iniziata stamattina e che terminerà nella giornata dell’11 novembre, gode di uno scenario che era stato già disegnato e pianificato lo scorso anno ma
la condizione pandemica ne ha impedito lo svolgimento.
Oggi l’esercitazione è stata riprogrammata nell’ambito di una cornice più ampia e, quindi, in un contesto connotato da maggiore complessità. Ruolo fulcro nella gestione della simulazione di emergenza viene svolto dal personale dei vigili del fuoco operante in Calabria, in accordo con la Direzione Centrale per l’Emergenza, il Soccorso Tecnico e l’Antincendio Boschivo. In campo numerose risorse, mobilitate dalle regioni Toscana, Sicilia, Campania, Lazio, Lombardia, Piemonte, e con diversi compiti: ci sono gli USAR (Urban Search and Rescue), i dronisti, i cinofili, il nucleo SAF (Speleo Alpino Fluviale) e SA (Soccorritori Acquatici), gli esperti in topografia applicata al soccorso, la CoEm (Comunicazione in Emergenza). Sullo sfondo un sito, quello di Cavallerizzo, caratterizzato da edifici parzialmente collassati ed altri che presentano un’evidente instabilità e crolli parziali: colpito da una grossa frana che coinvolse nel marzo del 2005 un intero nucleo abitativo danneggiando circa 124 edifici e rendendo di fatto la frazione di Cerzeto inagibile, è uno scenario che risulta di particolare interesse per il suo utilizzo come area di addestramento per le attività di formazione e mantenimento delle squadre di vigili del fuoco specializzate e dedicate alla valutazione dei rischi, alla ricerca, localizzazione e recupero di dispersi sotto macerie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.