Il complesso di Don Giovanni

Spread the love

NUNZIA FASANO

La psicoanalisi è entrata nel nostro vivere con alcuni concetti che  più di altri  sono diventati di comune  uso, uno di questi è la parola” Complesso”. Sintetizzando dalla definizione di Jung il complesso si caratterizza da elementi affettivi legati ad eventi dolorosi e significativi nella vita di ogni essere umano che, sebbene allontanati dalla coscienza  tramite meccanismi di difesa, nell’ inconscio restano attivi, e possono riaffiorare in maniera incontrollata,  imprevedibile, con tutta la carica affettiva ad essa collegata, ogni volta che un evento di vita o situazione li richiami.

Il complesso di Don Giovanni, ci aiuta a capire che il comportamento è senza dubbio dovuto al suo complesso edipico irrisolto: cerca in ogni donna sua madre ma non può trovarla. Il tipico don Giovanni è animato da un senso di inferiorità,  che lo spinge ad  addizionare prove dei propri successi erotici, è un collezionista mai appagato. Appena avuta sessualmente una donna non ha più alcuno interesse per lei, passa avanti, dicendosi che neanche quella donna può dargli nulla. Il suo bisogno narcisistico  richiede una prova nella sua abilità di eccitare le donne: quando ne eccita una pensa, dubbioso, se riuscirà a eccitarne un’altra non ancora avendoci provato.

Anche nella donna la struttura narcisista di paura di perdere oggetto d’amore porta a una difficoltà di soddisfazione sessuale, con una ipersessualità presunta che spesso viene definita ninfomania.  

Nunzia Fasano Psicologa Psicoterapeuta  tel 347 6611972

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *