Il regime talebano non sembra in grado di gestire l’emergenza provocata dal terremoto

Spread the love

https://www.ilpost.it/2022/06/23/soccorsi-terremoto-afghanistan/


Il terremoto di magnitudo 6 che c’è stato martedì sera nella provincia orientale afghana di Paktika è stato uno dei più gravi degli ultimi decenni in Afghanistan. Sono morte più di mille persone e altre sono ancora disperse, ma le operazioni di soccorso che servirebbero sono rallentate dalla mancanza di risorse, di aiuti e di un governo preparato. Il paese era già da anni impoverito dalla pandemia, dalla siccità e da una lunga guerra, ma da quando i talebani hanno preso il potere lo scorso agosto è in corso una gravissima crisi economica e umanitaria, causata delle sanzioni internazionali e dalla pessima gestione del potere.

Per organizzare i soccorsi dopo il terremoto, il regime talebano ha chiesto aiuto internazionale: in casi come questo l’intervento di altri paesi è motivato dall’emergenza umanitaria e quindi non viola le sanzioni imposte per limitare lo sviluppo economico del paese. L’Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (OCHA) e le ong che operavano già in Afghanistan si stanno attrezzando per intervenire, ma con molte difficoltà dovute alla scarsità di risorse di vario tipo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.