Femminicidio: la gelosia non scrimina e non altera la capacità

Spread the love

Annamaria Villafrate – Con la sentenza n. 28561/2022 (sotto allegata) la Cassazione rigetta il ricorso presentato dal difensore un soggetto ritenuto responsabile di femminicidio nei confronti della moglie. La premeditazione emerge dalle modalità dell’omicidio, annunciate e confidate a diversi conoscenti alcuni mesi prima dell’accaduto.

La gelosia inoltre non scrimina la condotta se non rientra in un disturbo della personalità, ma è solo il frutto di una personalità violenta e autoritaria, poco incline a riconoscere come errata la propria condotta, ma solo quella della vittima, solo perché ha manifestato il desiderio di separarsi.

studiocataldi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.