Migranti: sbarco dalle 3 navi delle Ong. Humanity1, segni di tortura

Spread the love

AANSA,it – Sono terminate le operazioni di sbarco dei 284 migranti giunti nel porto di Salerno a bordo della nave Geo Barents dell’organizzazione Medici senza frontiere. Tra i 284 migranti, per la maggior parte provenienti dall’Africa sub sahariana, c’erano anche 84 minori.

Dei ragazzi, venti sono stati accolti in strutture individuate in città dal Comune di Salerno mentre per altri 64 nel pomeriggio è previsto il trasferimento a Taranto. Il sindaco Vincenzo Napoli ha voluto seguire personalmente tutte le operazioni, che si sono svolte regolarmente. Le operazioni di sbarco sono iniziate intorno alle 10 anche grazie all’attività di quattro psicologi specializzati, dieci medici e sanitari Asl di Salerno e di 20 interpreti e mediatori.

La nave ‘Humanity 1’ è arrivata nel porto di Bari che le è stato assegnato dal governo per far sbarcare i 261 migranti che ha soccorso nei giorni scorsi in mare. I migranti provengono da 22 nazioni, in prevalenza Camerun, Costa d’Avorio, Egitto e Siria. A bordo ci sono 40 donne, 28 adulte e 12 minorenni. In totale ci sono 93 minorenni, 67 dei quali non accompagnati; 23 bambini sotto i 14 anni, tre neonati. Sulla nave anche tre donne incinte. Attiva la macchina dell’accoglienza, coordinata dalla Prefettura di Bari. Questura, guardia di finanza, carabinieri e polizia locale, con 118, Asl, Usmaf, Croce rossa e Caritas hanno predisposto le attività. I primi a sbarcare i migranti che necessitano di cure. Poi toccherà ai minori non accompagnati e ai nuclei familiari con bambini. Dopo lo sbarco, a bordo di bus i migranti lasceranno il porto e saranno distribuiti in diversi centri di accoglienza d’Italia. In Puglia resteranno i minori non accompagnati e pochi altri migranti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.