Vigili del fuoco

PROGETTO “BELICE” Primo meeting dei partner europei al Collegio dei Gesuiti di Alcamo (TP)

Spread the love

COMANDO VIGILI DEL FUOCO DI CATANIA

Il 20 giugno scorso, al Collegio dei Gesuiti di Alcamo (TP), si è svolto il primo meeting dei partner europei del Progetto “BELICE”.

La giornata di lavori è stata moderata dal capo del progetto, l’ing. Giuseppe Romano, dirigente generale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e attuale direttore regionale per la Toscana, da Philippe Meresse dei Vigili del Fuoco francesi e da Monia D’Amico, coordinatrice del progetto per conto di Timesis.

Il progetto, svolgendosi nell’area del Belice ed in particolare sul sito di Poggioreale antica, prevede anche il supporto della Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia ed il coinvolgimento di vigili del fuoco provenienti da diversi Comandi Provinciali siciliani.

Il progetto BELICE, intende agevolare e consolidare, in tempo di quiete, i rapporti tra soccorritori e amministratori del territorio, per ridurre quanto più possibile i tempi delle prime fasi di un intervento di soccorso delle squadre operative specializzate in Urban Search And Rescue (U.S.A.R.).

Dalla conoscenza del territorio e dalla condivisione delle risorse che in esso andranno a trovare le squadre dei soccorritori, dipendono i tempi necessari alla cosiddetta fase di “assesstment”, ovvero le fasi inziali di individuazione delle priorità e delle conseguenti scelte operative.

Dunque, il progetto intende sviluppare sinergie e consolidare “reti” tra i vari attori dell’emergenza affinché queste siano più efficaci nelle situazioni di crisi e in emergenza.

“La nostra responsabilità è essere più veloci”, così ha aperto la sua relazione l’ing. Giuseppe Romano, mentre l’ing. Calogero Foti ha sostenuto che “oltre alla vulnerabilità di ogni singolo edificio, bisogna a cominciare a ragionare anche in termini di vulnerabilità urbana”.

Per raggiungere le finalità che si propone, il progetto “BELICE” prevede, entro il mese di novembre dell’anno prossimo, la formazione di 100 soccorritori esperti in tecniche USAR (Urban Search And Rescue).

I soccorritori arriveranno da 40 diversi Paesi dell’Europa e del bacino del Mediterraneo.

Questi soccorritori, a loro volta, diventetanno i trainer di altre squadre operative per diffondere le competenze necessarie per migliorare l’efficacia e l’efficienza degli interventi sugli scenari operativi.

Presente alla giornata di lavori il Direttore Regionale dei Vigili del Fuoco per la Sicilia, l’ing. Gaetano Vallefuoco, il Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Palermo, l’ing. Agatino Carrolo, il Capo della Protezione Civile della Regione Sicilia, l’ing. Calogero Foti ed alcuni rappresentanti del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.

Presenti, inoltre, il vice Prefetto vicario dott. Baldassare INGOGLIA, il vice Sindaco di Alcamo ed altri amministratori locali dei Comuni della Valle del Belice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.