Conti pubblici, la difficile strada del governo Meloni per il rientro degli extra-deficit

Spread the love

Le sfumature sono tante. E però sembra di cogliere una quasi unanime certezza tra gli analisti: l’Italia non cadrà in recessione nel 2023. Possibile un rallentamento, una stagnazione, persino un trimestre non buono. Ma il peggio sembra scongiurato, il segno meno dello sprofondo relegato ai ricordi del lockdown di tre anni fa. Le previsioni certo si muovono su un crinale di fragile ottimismo, appese alle notizie di ribasso del gas tornato alle quotazioni di fine 2021 e dell’inflazione forse al suo punto di inversione e discesa.

repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.