focusI professionisti

La soluzione per ridurre il costo dell’Energia con le Comunità Energetiche

Spread the love
ANTONELLA GIRARDI

Le Comunità energetiche sono un tassello fondamentale per cogliere le opportunità del Green New Deal europeo e del PNRR, e su come produrre e consumare energia da fonti rinnovabili a km zero, e abbattere il caro bollette. “Le CER producono risparmio, abbattimento dei costi, autosufficienza. E guardano al futuro attraverso la parola innovazione. L’idea di base è di rendere le piccole e medie imprese, ma anche le abitazioni, più efficienti e maggiormente autonome, aiutandole a risparmiare sui costi dell’energia grazie all’installazione di impianti a fonti rinnovabile.

Le comunità energetiche rinnovabili (CER) sono costituite da un insieme di soggetti (solitamente da un punto di vista giuridico raccolti in un’associazione o una cooperativa), che dopo aver individuato un’area dedicata per l’installazione dell’impianto fotovoltaico producono, gestiscono e consumano l’energia elettrica prodotta dall’impianto stesso, che può essere messo a disposizione da uno solo o più dei membri partecipanti o da un soggetto terzo.

L’energia elettrica prodotta verrà utilizzata per far fronte ai fabbisogni energetici della CER, mentre quella eventualmente non autoconsumata dalla comunità potrà essere immagazzinata in batterie o immessa in rete, usufruendo del sistema degli incentivi e dei premi. I ricavi generati verranno suddivisi tra i membri della CER, in base alle regole di funzionamento della comunità stabilite attraverso un contratto di diritto privato. Ogni membro della comunità energetica continuerà, infatti, a pagare la bolletta al proprio fornitore, ma riceverà dalla comunità un importo per la condivisione dei benefici, un compenso non tassato, che equivale di fatto a una riduzione della sua bolletta.

Sullo sviluppo delle CER possono influire anche i Comuni e le amministrazioni locali, svolgendo un ruolo di agevolatori e di promotori per la costituzione di future comunità energetiche a livello locale, facendo leva sia sugli incentivi previsti dal GSE, che sulle risorse del PNRR e sui contributi della nuova programmazione UE (2021-2027) dedicati alla transizione energetica. I comuni, grazie ai contributi pubblici previsti, possono sostenere le spese di investimento iniziali, per la realizzazione dell’impianto, con la possibilità di convenzionare i privati e le imprese che sceglieranno di aderire alla CER.

Gli enti pubblici hanno anche la facoltà di rimuovere eventuali ostacoli alla realizzazione di impianti sul territorio, urbano e non, attraverso regolamenti e piani di governo del territorio. Per saperne di più…..

Antonella Girardi Tributarista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *