L’arte farmaceutica nel medioevo

Please follow and like us:

FILIPPO D’ALFONSO

Nell’oscuro Medioevo era fervente lo studio di testi medici antichi riguardanti soprattutto erbari. Ciò avveniva da parte degli amanuensi che crearono i cosiddetti “ scriptoria” nei freddi conventi monacali. Nascono manoscritti che trattano di medicamenti in prevalenza di origine vegetale. I “Circa Instans“, i “Taquina Sanitatis” le “Pandecte” sono solo alcuni esempi. Questi ricettari che spesso racchiudevano solo dei semplici consigli di igiene furono ben presto di secondaria importanza rispetto al monumentale celeberrimo e “nuovo REGIMEN SANITATIS” della Scuola Salernitana dalla sana e schietta impronta di ricettario di uso farmaceutico pratico. Alla fine del XIII sec. la professione del farmacista era conosciuta e regolamentata e così la spezieria era sottoposta ad obblighi e vincoli legali. Da questo momento, il farmacista entra a far parte delle Corporazioni delle Arti e l’uomo del Medioevo comincia ad impiegare i cosiddetti “ semplici “ e cioè erbe officinali dalle riconosciute proprietà curative .

Poco si conosce a proposito della preparazione alla quale erano sottoposti gli speziali , salvo il fatto che per poter diventare “aromataro “ , “speziale “ o “farmacopola”, era necessario un apprendistato di sei anni presso un “magistro” per una preparazione di “tecnica farmaceutica”.

Nel  Medioevo era forte il timore della morte, delle malattie e la consapevolezza della propria impotenza nel superare questi problemi.

L’ unico rimedio era trattare le malattie con medicine naturali, quindi con erbe officinali e riti dal significato magico-simbolico. Le piante medicinali usate nel Medioevo erano molte tra cui ad esempio: Ruta Graveolens, Rosmarinus, Rosa Gallica, Citrus Aurantium , Salvia Officinalis, Mentha Piperita, Iris Germanica, Olea Europea, Matricaria Chamomilla , Carum Carvi e molte altre.

Presso i romani e la Roma del Medioevo, il farmacista esisteva sotto varie “vesti”:

SEMPLASIARII: abitavano in una zona della città detta Vicus Unguentarius , sono paragonabili agli attuali droghieri piuttosto che ai farmacisti , poiché preparavano e vendevano nelle piazze , droghe e le più svariate spezie.

PHARMACEUTAE : oltre ad esercitare la pratica di preparatore di farmaci, praticavano anche la medicina pratica .

MEDICAMENTARII e SELLULARII: vendevano più di ogni altra cosa i veleni.

PIMENTARII: preparatori di medicinali e distributori degli stessi .

PHARMACOPOLAE , CIRCULATORES , CIRCUITORES , CIRCUNFORANEI erano invece i venditori ambulanti di medicine.

6) HERBARI , quelli che oggi chiameremmo erboristi.
7) PHARMACOTRIBAE: si occupavano di triturare e sminuzzare le erbe.
Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial