cronacagovernoIstituzioni

Istruzione, il nostro no all’autonomia differenziata

Spread the love

Rassegna.it – https://urly.it/325dv

La lettura dei quotidiani di oggi ci consegna notizie allarmantisull’accelerazione impressa dalla Lega e dai suoi ministri al processo di autonomia differenziata scritta sotto dettatura del governatore veneto Zaia. L’allarme riguarda soprattutto servizi universali come l’istruzione, che non possono essere delegati ad autorità territoriali, se non al prezzo di rinnovate gabbie salariali, forme striscianti e negative di secessione, moltiplicazione di disuguaglianze sociali tra Nord e Sud.

Sugli stessi quotidiani leggiamo del Rapporto Istat 2019, che parla di un divario tra il Nord del Paese e il Mezzogiorno sempre più profondo, soprattutto per quanto riguarda i giovani, vittime di una nuova massiccia forma di emigrazione. Così, in un Paese che invecchia, sempre più povero e alle prese con una deriva economica a crescita zero, l’autonomia differenziata sarebbe il colpo di maglio definitivo per l’abbandono del Mezzogiorno, mentre al contrario si dovrebbero elaborare politiche concrete per il suo rilancio e il suo sviluppo. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.