Struggente memoria di FRANZERO FABIO nel giorno del congedo dal Corpo

Spread the love

DI LIA ALBONICO – pubblicato sul n. 115 del FARO DEI VIGILI DEL FUOCO

Fabio Franzero maresciallo dei vigili del fuoco di Roma dal 1938 al 1969- Fabio nel momento di lasciare il Corpo nazionale del Vigili del Fuoco, ha dedicato struggenti versi alla sue amata professione

 Addio alla caserma dei “Pompieri” – Dopo tant’anni me’ so’ congedato – Te lascio primo Corpo, mio adorato – Che me stai sopra tutti li ensieri. – Trent’anni so’ passati come er vento In servizio, un secolo pareva – Adesso non lo so’ si so’ contento – D’ave’ finito, er core lo sapeva -Che avrebbe spasimato de dolore

Lascio papà secondo, err “colonnello” – l’allarme, sala mensa, er tempo bello – che come un lampo se n’annato via  – assieme a tutti quanti in compagnia – e chiedo a tutti scusa se ho mancato – Dall’occhi veedo che so’ perdonato! –  Nun v’avvilite, siate sempre fieri – der primo corpo de’ “pompieri” – Ditelo forte a tutti, in modo fiero – Evviva Santa Barbara e……Franzero

Roma. 27 gosto 1969

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *