Editoriale

Voglio che sia Respiro…d’Amore!

Spread the love
VALENTINA TACCHI

Respiro l’Editoriale di questo Numero del Faro dai tratti più sentimentali, con un Augurio nel 2024 per Tutti!

In tutti i sensi e con tutti i sensi! L’Amore nella nostra vita nelle diverse forme! Perché nei nostri affetti possa venir fuori il meglio di Noi! All’interno del Faro la sua Community, i nostri lettori e chi ci segue! Per tutti quest’anno “un nuovo Respiro”! 

Quando si sente quel vento nuovo che “arriva”…qualcuno lo riconosce e ne rimane avvolto, altri chiudono la finestra e lo temono. La riaprono, a volte, giusto l’attimo per sentirne la brezza. Il Passato può lasciare il segno e condizionare, come ciò che fa disamorare e che poi non torna più indietro.

I Sentimenti ci avvolgono, ci fanno scoprire, ci mettono alla prova. Insegnano anche a saper scegliere, con il freno a mano, preferendo timbrare a volte il valore della libertà, un biglietto unico nel viaggio. L’augurio è di vivere pienamente, non accontentandosi, non rinunciando ad emozionarci e scegliere anche di condividere…quel Viaggio!

La Comunicazione può giocare un ruolo chiave, lastra del tempo. Il Respiro di parole non può mancare, infatti, soffocato da muri non traspiranti. Si rimane in apnea. A volte, invece, ci si chiude o si parla troppo. Si aggredisce, si sbaglia il modo o parte lo schema interiore. Occorre scegliere di comunicare con lo stesso linguaggio. Lasciando andare delusioni e rancori, modelli chiusi ed egoismi. Credere sempre che esista qualcosa di importante che ci elevi! Eppure, tante esperienze fanno perdere la speranza. Ci si accontenta, a tal punto che si diventa schermati o abituati. Si perde il valore della dolcezza. 

C’è chi vuole manipolare o sottomettere, chi schematizza con il suo narcisismo, chi imprigiona per gelosia o paura, chi pretende solo, fa finta di nulla o vive nella superficie. Si perde l’amore come la stima. Eppure, bisognerebbe alimentarsi e scoprire l’essenza vera dell’altro, quella luce che rende vivi! 

Al di là delle sintesi, sperimentiamo l’Amore, ogni volta che siamo NOI STESSI e ci sentiamo colmi, aperti al mondo. Il cuore che pulsa e non quello che piange, viene violato o trascurato. Questo cuore si ferma o un giorno si ribella! Ci sono mancanze che si pagano per sempre.

L’amore si alimenta con la fantasia e l’attenzione, la generosità e sapendo “Sorprendere”! Non si vive di schemi, di rituali sempre uguali, dove perdere il valore delle ore. I profumi dell’Amore vivono di scoperte e non sono paura o razionalità. Vivono di istinto, di odori, di sguardi e di ascolti. Proprio come in un colpo di fulmine o quando ci si riconosce nei corpi. L’amore è fisico ed anche spirituale. Può andare in una dimensione sovrumana d’ascolto, ci si sente anche da lontano. Così come dal corpo, si ha bisogno di elevarsi. Non si vive di sola fisicità così come non si può vivere di essenza virtuale. La fusione di questi due aspetti è preziosa. Come la condivisione di interessi che accende la complicità, quella che fa sentire uniti ed unici tra tante persone!

Completo l’editoriale con Respiro, una Canzone di Franco Simone, una riflessione melodiosa sull’importanza dell’amore, vista come una sorta di respiro per l’anima. Si canta l’esigenza di vivere ogni istante come se fosse un respiro profondo. Godere nel presente, il futuro è una speranza mai scontata.

Le note della canzone richiamano così, oltre quel pentagramma, tra le righe, cosa vogliamo veramente! Quel desiderio di essere presente nei sogni dell’altra persona come un amante eterno, oltre quel viaggio solitario di gran vagabondo. Il desiderio di quell’amore che abbraccia tutto, offre il senso della vera connessione a livello emotivo, mentale e fisico.

Ciascuno sa cosa fare e cosa vuole veramente! Innanzitutto, aprire la propria finestra ed ascoltarsi. Quel Respiro d’Amore potrebbe proprio venirlo a trovare…

Lascia che sia Respiro quando lo si riconosce, ferma il tempo e fallo danzare. Prende vita il senso profondo della nostra esistenza, rincorsi ed appagati in un “Nuovo Percorso di Luce”! Proprio lì…dove è sempre acceso il nostro Faro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.