Una improvvisa caduta massi gli trancia il cavo di sicurezza e lo trascina sul fondo uccidendolo

Spread the love

Tragedia della montagna in provincia di Ancona, dove un uomo viene travolto  da una frana rocciosa e muore un climber unanimemente considerato esperto di quei percorsi e di quelle circostanze. I media locali e l’Ansa spiegano che una improvvisa caduta massi gli ha tranciato il cavo di sicurezza e lo ha trascinato sul fondo, uccidendolo malgrado soccorsi compositi e tempestivi. Tutto sarebbe accaduto, come riportano le fonti, nel corso di una una scalata a una via di roccia dentro la Gola di Frasassi di Genga, in provincia di Ancona.

Il dramma si è consumato nel tardo pomeriggio della giornata di sabato 15 ottobre. La vittima era un 36enne di Montecassiano, in provincia di Macerata. Nel racconto della tragedia si spiega che l’uomo era “un arrampicatore esperto”. Purtroppo però ad un certo punto il 36enne è stato investito da una frana di sassi che lo ha ucciso. Sarebbe accaduto che “una raffica di sassi ha tranciato il cavo al quale l’uomo era attaccato. I soccorritori hanno potuto solo constatarne il decesso

notizie.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.